Il conseguimento e il rinnovo della Carta di qualificazione del conducente, previsto dalla Direttiva 2003/59/CE, è obbligatorio per i conducenti che svolgono in modo "professionale" la guida di veicoli che richiedono patente C e CE (e anche D nel caso dei passeggeri).

Questa precisazione permette ad alcune tipologie di conducenti che hanno le patenti superiori l'esonero dalla Cqc mentre guidano i veicoli pesanti, come per esempio i meccanici, i venditori di camion e più in generale chi guida un veicolo industriale in modo sporadico.

Ma questo esonero potrà finire presto, perché il Consiglio dei ministri del 23 gennaio 202 ha approvato il provvedimento di recepimento della Direttiva (UE) 2018/645, che modifica la 2003/59/CE.

In una nota, il Governo scrive che la Direttiva più recente, e quindi il relativo Decreto italiano di recepimento, "amplia gli obblighi di qualificazione, prima previsti solo per i conducenti che effettuavano professionalmente trasporto di persone e di cose su veicoli per la cui guida è richiesta la patente delle categorie C1, C, C1E, CE, D1, D, D1E, DE, eliminando il riferimento all'attività di guida professionale ed estendendo così gli obblighi a tutti i conducenti di veicoli la cui guida richieda le patenti citate".

Inoltre, il Decreto "prevede che gli Stati membri si scambino reciprocamente le informazioni in materia di qualificazione dei conducenti tramite specifica rete informatica e determina la cadenza periodica dei corsi di formazione necessari per mantenere le abilitazioni conseguite".

Fonte: Valentina Ciocchetti

Contatto rapido

Calendario Corsi

Cerca in archivio