L'ordinanza del Ministro della Salute del 28 aprile 2022.

Mascherine e green pass, dal 1° maggio 2022 si allentano le misure di sicurezza per la gestione della pandemia da Covid-19

Le mascherine saranno obbligatorie al chiuso fino al 15 giugno 2022 ma solamente per alcuni ambiti specifici, come il trasporto pubblico, gli ospedali e le RSA, cinema, teatri, palazzetti dello sport e locali di intrattenimento. In questi luoghi sarà ancora obbligatorio indossare i dispositivi di protezione FFP2.

Cade l’obbligo in tutti gli altri ambienti, compreso il posto di lavoro, ma le mascherine restano fortemente raccomandate.

Dal 1° maggio, inoltre, il green pass non sarà più richiesto in Italia.

Sarà necessario solamente per i viaggi all’estero e per le visite in ospedale o RSA. L’accesso sarà libero per tutti gli altri luoghi dove finora è stato necessario.
Il Ministro della Salute, Speranza, ha firmato il 28 aprile 2022 la nuova ordinanza che allenta le regole previste per il contenimento della pandemia da Covid-19.

La mascherina, dunque, dal 1° maggio non sarà più obbligatoria sul posto di lavoro, dove potrà essere disposta a discrezione delle imprese e dei sindacati. Non sarà più obbligatoria anche per negozi, bar, ristoranti, supermercati ed eventi all’aperto.

Per quanto riguarda la scuola, l’obbligo resta fino alla fine dell’anno scolastico, come specificato dalla normativa già in vigore.

Non sono tenuti ad indossare i dispositivi di protezione individuale:

  • i bambini con meno di sei anni;
  • le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e chi per comunicare con una persona con disabilità non può fare uso del dispositivo;
  • i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva.

L’ordinanza del Ministero della Salute è effettiva a partire dal 1° maggio 2022 e non oltre il 15 giugno 2022.
Green pass, dal 1° maggio 2022 sarà necessario solo per ospedali, RSA e viaggi all’estero

L’ordinanza firmata il 28 aprile 2022 dal Ministro della Salute Roberto Speranza non prevede alcuna disposizione per quanto riguarda l’utilizzo del green pass. Di conseguenza restano valide le indicazioni della norma attualmente in vigore (decreto n. 24 di marzo 2022) che prevede la certificazione verde fino al 30 aprile.

Dal 1° maggio, dunque, non si utilizzerà più il green pass, sia quello base sia il rafforzato.

A partire da questa data cadrà l’obbligo di mostrare la certificazione verde base sul posto di lavoro, per mangiare in bar e ristoranti, per salire sui mezzi di trasporto, per assistere a spettacoli all’aperto e per partecipare ai concorsi pubblici.

Via anche il green pass rafforzato, quello ottenuto con il ciclo vaccinale completo o guarigione, che fino al 30 aprile è necessario per accedere a palestre e piscine, cinema e teatri e partecipare a feste o convegni.

L’obbligo di super green pass resta solamente per entrare negli ospedali e nelle RSA, qui sarà necessario fino al 31 dicembre 2022. La certificazione base sarà necessaria per viaggiare all’estero.

Per quanto riguarda i vaccini, l’obbligo resta fino al 15 giugno 2022 per:

  • cittadini over 50;
  • insegnanti e personale scolastico;
  • forze dell’ordine.

Per medici e infermieri l’obbligo cessa il 31 dicembre 2022.